Riconoscimenti - Poeta milanese Bico Contursi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Riconoscimenti

 

Pension! … Sì, ma che pension!               

El Gigi, el nòst amis “semper-in-vèna”,
rivaa a l’età de smett de tribulà,
a l’INPS el va a vedè se ’l var la pèna
de cercagh la pension d’anzianità.

La dòna del sportell per sincerass
la ghe domanda de podè vardà
on document recént  che ’l confermass
che lì el gh’è lù in persòna e… la soa età.

El se svoeuia i saccòcc, ma el document
se l’è desmentegaa … “Òrca sidella!
Me tocca tornà chì ‘n alter moment …”
La dòna, cont on fà de ruffianella,

la ghe dis: “Disbottònet la camisa”
El Gigi el squatta subit el sò stòmich
e ghe presenta la soa peluria grisa.
La dòna varda ben con fà anatòmich:

“Te m’hee persuasa che te gh’hee l’età
giusta per fà domanda de pension
d’anzianità.” El Gigi el torna a cà
e ‘l cunta a soa miee, ‘me ‘n bauscion,

de l’esperienza a l’INPS. Lee la ghe guarda:
“Anch deslazzà i calzon, l’era on bell fà
Te daven subit” la ghe fa beffarda,
“anch la pension … de l’invalidità”.
---------



Pensione! … Si, ma che pensione!

Il Gigi, il nostro amico "sempre in vena", - arrivato all’età di smetter di tribolare, - si reca all’INPS per vedere se vale la pena – di andare in pensione di anzianità. – La sportellista per sincerarsi – gli domanda di mostrargli – un documento recente che confermi – la sua persona e … la sua età. – Si svuota le tasche, ma il documento – se lo è dimenticato … "Orca sidella! – Mi tocca ritornare in un altro momento … " – La donna allo sportello in un modo ruffiano, - gli dice: "Sbottonati la camicia" – Gigi si scopre subito il petto – che si presenta pieno di peli grigi. – La donna guarda con attenzione: - "Mi hai convinto … sicuramente hai l’età  - giusta per fare domanda di pensione – di anzianità." – Gigi torna a casa e racconta a sua moglie, come un bauscia, - l’esperienza all’INPS. Lei lo guarda: - "Dovevi slacciarti anche i calzoni – ti davano subito" le dice beffarda, - "anche la pensione di … invalidità." –                                                   


 

Temporalon d’estaa in cassina

La nòna l’usma in gir aria bagnada,
la luma i nivol ner che fann paura,
"Ghe sarà ‘n grand disaster, l’è sigura."
… segn de cros, con la testa giò sbassada.

      Paisann saren-sù finester, pòrt
      per medegà la fòrza del destin
      el sòna fòrt e in pressa el campanin
      se spera nel Signor e bòna sòrt.

Dent la stalla la vacca la se sent
anch el cavall veggiòtt el se scalmana …
i gainn par ciocch d’uga ‘mericana
in del pollee svolazzen del spavent.

      Tutt’in d’on bòtt d’acquada! Acqua a seggiad!
      On finimond col vent a molinell,
      bròcch s’ceppaa che sbatt fòrt a fà bordell,
      stralusc e tron che s’ciòppa ‘me granad.

Soramaròss on ticchettà de brutt
el fa cress i penser di paisann …
ona grand tempestada, on uragan,
on demòni malnatt e farabutt.

      La nòna cont intorna i sò de cà
      citto la sfila i gugg e la se mett
      a desfà el lavorà del sò sciallett:
      "Hoo saltaa ‘n ponto, dovaroo guggià!"

Se pizza ona candila in devozion
la cera la spantega el sò profumm.
Brusa l’uliv dent el camin e ‘l fumm
el va sù in alt, insèma a n’orazion.

      E de lì  ‘na vintèna de minutt
      desmetten de scrizzà chi gelosii,
      el temp el s’è sfogaa e l’ha ferii
      la campagna con mezz regoeui distrutt.

El sô ‘l va e ven , la pioeuva l’ha lassaa
pocciaccher negher, strada masarenta
e la cort cont el ruff, che la tormenta
l’ha impienii de tutt quell che l’ha trovaa.

      El ciel el se s’ciariss in d’on sferlà
      ch’impatacca la pell: gotta ‘l sudor,
      spanteghen i stivai quell bon odor
      de terra, che anca lee l’è ‘dree a sudà.

L’era la torna a empiss de passaritt,
la vacca la brugiss e la mastega
col cavall che’l  fa ’l vers a la collega
torna i gainn a ruspà coi puresitt.

      La nòna, la se pò nò scoraggià:
      "Scolté! Demm minga spazzi a la deslippa,
      sù i manich, firon drizz, se vorì trippa!"
      Scagnell, sciallett … l’è lì pronta a guggià.

---------



 

Temporalone d’estate in cascina

La nonna percepisce in giro aria bagnata, - guarda le nuvole nere che fanno paura, - "Ci sarà un grande disastro, di sicuro." - … segno della croce, con la testa abbassata. – I paesani chiudono le finestre, porte – per far fronte alla forza del destino – suona forte subito la campana del campanile – si spera nel Signore e nella buona sorte. – Dentro la stalla la vacca si agita – anche il vecchio cavallo si scalmana … - le galline sembrano ubriache d’uva americana – nel pollaio sbattono le ali dallo spavento. – Tutto d’un tratto un acquazzone!  Acqua a secchiate! – Un finimondo con vento a mulinello, - rami rotti che sbattono forte a fanno rumore, - Fulmini e tuoni che scoppiano come granate. – In aggiunta anche un picchiettare forte – fa crescere i pensieri dei paesani … - una grande tempestata, un uragano, - un demonio  terribile e farabutto. – La nonna con intorno i famigliari – in silenzio sfila gli aghi da maglia e si mette – a disfare il lavoro del suo scialletto: (per scaramanzia) – "Ho saltato un punto, dovrò sferruzzare!" – Si accende una candela per devozione – la cera sparge il suo profumo. – Brucia l’ulivo dentro il camino e il fumo – va su in alto, insieme a un’orazione. – Dopo una ventina di minuti – smettono di scricchiolare le gelosie, - il tempo si è sfogato e ha ferito – la campagna con metà raccolto distrutto. – Il sole va e viene, la pioggia ha lasciato – pozzanghere nere, strada inzuppata – e il cortile con lo sporco, che la tormenta – ha riempito di un po’ di tutto. Il cielo si schiarisce e i suoi raggi – fanno appiccicare la pelle: gocciola il sudore, -  gli stivali spandono buon odore - di terra, che anche lei sta sudando. – L’aia torna a riempirsi di passerotti, - la vacca  muggisce e rumina – col cavallo che gli fa il verso – tornano a ruspare le galline coi pulcini. – La nonna, non si può scoraggiare: - "Ascoltate! Non diamo corda alla sfortuna, - Tirate su le maniche, schiena dritta, se volete sfamarvi!" – Sgabello, scialletto … è pronta a sferruzzare.

 
 
 
 

CONCORSO PENNA D'ORO 2013 - SEGNALAZIONE

Sezione : Composizioni ispirate alla montagna

Motivazione

La Montagna de San Primm”,in espressione milanese, in cinque sestine di endecasillabi: anche qui dall’attenta e quasi affettuosa osservazione della Natura e di tutte le sue manifestazioni che l’Autore incontra durante la sua escursione mattutina in montagna, scaturiscono riflessioni e pensieri non banali sull’esistenza e il suo senso più profondo:un cammino che non finisce mai, un percorso che, seppure felicemente segnato da pause di armonia, di meraviglia e di contemplazione, va ripreso tappa dopo tappa con coraggio e con costanza.

 
 

La montagna de SAN PRIMM



Voeuri sfruttà el freschin de la mattina

per fà ‘na tappasciada su in montagna,

gòd la natura che la me compagna,

e stà ‘n poo soll con l’aria remondina.

Mì voo invers el sentee che de Bellas

pòrta a l’Alp del  San Primm, fina sù ‘l Pass.



Sferla de sô sbusen chi nivoloni

che su ‘n del ciel srarissen senza pressa,

formen di ciar e scur … (ma che bellezza),

i mont paren smaggiaa con su i tacconi.

El campanà sord di vacch e buscitt

el soffega el reciòcch di campanitt.



L’umid de la nòtt pian pian el svaniss,

senti on profumm de terra delicaa,

fiorettitt brinaa fann sbarlusì i praa

e pamporsitt fadighen a derviss.

Me ripòsi i òss settaa giò a l’ombria

d’ona cassina voeuia a perdes via,



rimiri  on ròsc de passaritt intent

a s’gigottass pocciaa dent on fossett

e levi i oeugg vedè pirlà i falchett

de soravia i montagn, vuttaa dal vent.

A ‘n cert moment te tocca tirà i sòmm …

la vitta, ‘me la fabbrica del Dòmm,



la finiss mai de datt preoccupazion,

di vòlt te tocca fà mostra de nient,

fà l’attor, alzà i spall indifferent.

M’infili-sù i pedull, ciappi ‘l baston,

foo ‘na tappasciada … (ghe n’hoo d’avanz!)

Mì tiri ‘l fiaa ‘n moment … e tiri innanz


----------

 

La montagna di SAN PRIMO

Voglio sfruttare l’aria fresca del mattino -per fare una camminata in montagna,-godere la natura che ho intorno, - e stare un po’ solo con l’aria pura. - Prendo il sentiero che, partendo da Bellagio, - arriva fino al Passo dell’Alpe di San Primo,. -Un raggio di sole filtra attraverso le nuvole - che lentamente si diradano, - formando dei chiaro/scuro (ma che bellezza) - che fanno apparire i monti chiazzati con su delle toppe. - Il sordo  scampanare di mucche e vitelli -soffoca il rintocco dei campanili. - L’umido della notte svanisce pian piano, - sento un profumo delicato di terra,  i fiorellini sbrinati fanno risplendere i prati e i ciclamini fanno fatica a dischiudersi.Mi riposo la mente seduto all’ombra di una cascina disabitata,sono attratto da un gruppo di passeri che si lavano (scrollandosi) dentro un fossettoe alzo gli occhi e vedo girare i falchetti sopra le montagne, in favore di vento.E’ giunto il momento di riflettere …la vita è come la fabbrica del Duomo e non finisce di darti preoccupazione, qualche volta ti tocca fare finta di niente, fare l’attore, alzare le spalle con indifferenza. … Mi infilo le pedule, prendo un bastone, faccio una camminata … (ne ho a sufficienza!) Prendo fiato un momento … e continuo per la mia strada.

 
 
 
 
 

L’è nò usual che m’insogni, men che men fà di sògn inscì de minga cred e de soramaròss mi son minga ‘bituaa a vosà e me da fastidi el sentì vosà .   

 
 

V O S I    N ò                

Vosi nò, mì voraria!  

Tegni denter de mì                                              

el fotton  che ’l sgraffigna senza fin.                   

Me smangi e pesti i pugn                                   

per sbatt giò ‘l mur…                                          

passà de là                                                         

per rivà ‘ndoe?...                                                 

Fòrsi, troeuvi la pas...                                         


In del mè gòss,   
                                               
che’l riess nò a svoiass,                                     

se mis’cia rabbia e magon,                          

come ‘n rantegh, el me stròzza,…                      

el sbilza minga foeura.                                         

Sbanfi e me vardi ‘ntorna                                    

per cercà ona man                                              

che la me da                                                        

‘na pacca in su la s’cèna,                                    

per iuttamm a sbatt foeura                                  

el sciatt rognos                                                    

e sbraggià de liberazion.                                     



On salvan…sògn ombraa                                   

che la nòtt la m’ha daa

Mì sont onest,                                                      

òmm bonaciòtt!                                                    

Voo incontra ai lus che vedi                                

in fond a la via!                                                     


L’è staa domà on insognass…                           

Tròpp ciappaa da quell che succed!?                

Me cala ‘dess, la terra sòtt’i pee,…                    

l’è vera….sì ’l pò vess!                                        

sfogass col vosà, mì?….                                  

Ghe pensi nanca!       
-------------                                                                                                                                  

                    

 

Non sono solito a sognare, tantomeno fare sogni inverosimili e per giunta non è mia abitudine gridare e m’infastidisce sentir gridare.     

NON GRIDO
  
Non grido, io vorrei! Ma …Dentro di me c'èla rabbia che continuamente mi opprime.Mi consumo e picchio i pugni per abbattere il muro …passare oltre per arrivare dove?Forse, trovo la pace …Nella mia gola-che non trova sfogo,rabbia e sconforto si uniscono,come un groppo che mi soffoca-e non vuole liberarsi.Ansimo e mi guardo intorno-per cercare-chi possa darmi-una manata sulla schiena-per aiutarmi a far uscire-il rospo rognoso-e urlare di liberazione.Un incubo … un sogno sfumato-di questa notte.Io sono un uomo onesto-e buono d’animo!Vado incontro a quello che-mi si presenta nel mio cammino!è stato solo un sogno …-Troppo condizionato dagli eventi?Adesso mi manca la terra sotto i piedi …-è vero …  sì, può essere!Sfogarsi gridando?-Non ci penso davvero!   

 
 
 
 
 

S A R A  (L’inverna a Robecch)

 L’è sabet sira                                

d’on gennar umid,                           

cont on fregg biss                            

che ‘l  te fa barbellà.                         

  Tappasci indepermì                       

arent el pont de rizzada …               

  a Robecch                                    

la nebbiettina la scond                         

el Palazz Archinto                            

e ‘l ciar fiacch di lampioni                

el fa speggina,                                

‘me frispol  che se ponden                

sul fluscià legger del Navili.               

  On tappee de nev                         

el s’ciariss la veduda                        

e ‘l silenzi le fa de padron.                



  M’invii vers l’”Osteria di trii basei”,

a scaldamm cont on bon cafè.         

On ritaj de giornal,                          

taccaa sù  ‘l mur ‘me on quader,      

  el fa vedè el Nino,                       

quand el cantava                          

i canzon milanes                         

con la soa vos                            

pregna de fumm,                         

e la Sara                                    

  òh, sì !… la Sara …                   

intenta a servì tavola                    

bombasina, birra e gazosa,           

bausciatt e arborei rostii ...             

coi sò oggioni scur,                       

descaviada                                  

e semper sorridenta                       

con la soa “minigonna”,                      

scossarin e la majetta aderenta        

che no dava spazzi                          

a la fantasia …                                

tucc innamoraa de lee.                    

  Foeura de l’osteria  … l’inverna,   

denter l’era giamò … primavera.    

----------------

 

Sara  ( L'invero di Robecco )
  
                     
E' sabato sera- di un Gennaio umido,molto freddo-che ti fa battere i denti.Cammino da solo-accanto il ponte di selciato …a Robecco- la nebbiolina nasconde -il Palazzo Archinto-e la tenue luce dei lampioni- si mette in mostra,come scintille che si appoggiano-sul frusciare leggero del Naviglio. Un tappeto di neve-schiarisce il paesaggio-e predomina il silenzio.Vado verso l’Osteria dei tre gradini,a scaldarmi con un buon caffè. Un ritaglio di giornale,appeso  al muro come un quadro,mostra il Nino (Rossi),quando cantava -le canzoni milanesi-con la sua voce- greve di fumo delle sigarette,e Sara -oh, ricordo! … Sara -mentre serviva in tavola-vino spumeggiante, birra e gazzosa, e pesciolini arrostiti … con i suoi grandi occhi scuri,scapigliata-e sempre sorridente,con la minigonna, grembiulino e maglietta aderente-che non lasciava nulla-alla fantasia ...eravamo tutti innamorati di lei.Fuori dell’osteria … era inverno, dentro l’osteria era già … primavera.   




 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu